Cavolo selvatico, Cavolo di San Viano

Brassica oleracea - famiglia: Cruciferae

E' un specie  a distribuzione etrusco -  ligure - provenzale. La sottospecie robertiana spontanea e molto rara; altrove viene coltivata.
E' una paintache pu superare i 2 metri di altezza, con fusti legnosi alla base, dove si inseriscononumerose foglie grandi, anche pi di 20 - 30 cm, verde glauco, un p carnose; il fusto si ramifica in numerosi rami, che portano all'apice racemi di fiori gialli, grandi, a 4 petali di 1,5-2 cm. Il frutto una siliqua lunga sino a 8 cm.
Vive su rupi calcaree, fino a 1200 metri di altitudine, fiorisce a maggio.
A Campocatino, nei pressi dei caselli in pietra, le piante di cavolo vengono coltivate non a scopo alimentare, ma per ottenere una protezione di carattere magico.
E' conosciuta in alcune zone delle Apaune come " Cavolo di San Viano ", infatti legata alla leggenda secondo la quale San Viano viveva da eremita sui monti aspri e rocciosi dove oggi sorge il santuario a lui dedicato, nutrendosi dei cavoli che crescono spontanei in quei luoghi. Non a caso nella tradizione popolare apuana il cavolo ritenuto efficace rimedio per vari tipi di malanni, otre a essere apprezzato per il suo valore alimentare. La tradizione  ancora viva: ogni anno si svolge , il 22 maggio, la festa di San Viano, durante la quale la consuetudine vuole che vengano raccolti i cavoli.

Tratto da : " I fiori delle Apuane " di Maria Ansaldi, Enrico Medda, Sara Plastino